domenica 22 febbraio 2009

Finché...

Democrazia è partecipazione. Come scriveva Giorgio Gaber, Libertà è partecipazione.
Democrazia e Libertà sono dunque "partecipazione".
Io sono sempre più dell'idea seguente: finché non ci sarà una vera ampia partecipazione dei cittadini alla vita politica e amministrativa all'interno del comune e del suo territorio, non ci sarà democrazia reale.
La politica ha bisogno di uno schema differente. Ma tutto deve partire dai cittadini, la base elettorale siamo noi. Noi possiamo cambiare. Noi dobbiamo cambiare. Peccato che per ora manca il "vogliamo". Ma verrà uin giorno in cui saremo costretti a volerlo un cambiamento.
Finché l'approccio dei cittadini alla politica non cambierà, tutto resterà tale e quale ad ora.
E nessun cambiamento verrà fatto in questo aimè disgraziato Stato che è l'Italia.
Iniziamo a livello locale, la speranza è l'ultima a morire.

con questo auspicio vi saluto.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Paolo! Parole sante! Il controllo dell'operato dei politici deve partire dal basso; dai cittidani attenti, consapevoli dei propri diritti ed esigenti affinchè siano rispettati.
Ciao Manuela

Paolo ha detto...

Ciao Manuela...Non succederà finché non avremo ad perdere qualcosa , a quel punto saremo costretti a richiedere i ns. diritti. Per ora l'ha vinta la classe dirigente.

ciao