mercoledì 11 giugno 2008

Segrate...parliamone...

Cari segratesi,

Questo blog è dedicato a Segrate e alle sue mille sfaccettature, un comune dell'hinterland milanese pieno di contraddizioni e spesso oggetto di polemiche. Ma anche sede di numerose grosse aziende, situato in una posizione strategica tra due grosse arterie del traffico (Strada cassanese e Rivoltana) nelle vicinanze dell'aeroporto di Linate, dell'Idroscalo e del polo del terziario avanzato.

Nonostante questo, i problemi non mancano. I trasporti sono insufficienti e la stazione inaugurata nel 2003 non ha dato quella sicurezza di movimento che i cittadini si aspettavano.
L'impressione inoltre che abbiamo tutti è di una smisurata crescita edilizia a cui il Comune è stato sottoposto negli ultimi 15 anni... Proposte di nuovi centri commerciali lasciano irrisolta, peggiorandola, la questione dell'aumento del traffico, degli ingorghi e delle polveri sottili nella nostra zona.

Io, da cittadino del comune, reputo molto importante la questione dei trasporti in primis, dello sviluppo urbanistico e delle infrastrutture. Ma qui si parlerà di tutto (o quasi) succederà di rilevante nel paese e di quelle che sono le cose che vanno, che non vanno, cercando , con la discussione, di porre quesiti e di trovare soluzioni o proposte riguardo a problemi che ancora perdurano .

Per es, la stazione di Segrate. Come sapete , non si tratta di una "stazione " ma di una "fermata" in quanto priva di interscambio ferroviario.

E come tale, secondo il modesto parere, di serie "B": ma questo non sono io a dirlo, ma i parecchi problemi riscontrati da questo servizio che è ritenuto "azzoppato" da molti
, seppure potenzialmente buono.

Nel prossimo post parleremo dunque dei problemi connessi alla "fermata" ed eventuali idee ed interventi di cittadini interessati ad una soluzione degli stessi problemi, sono benvenuti!

Lo "spirito" di questo blog è di prendere le distanze da polemiche di stampo politico cercando di essere il piu' obiettivi possibile, almeno da parte mia. Ma spero di tutti...

Quindi, diamo via a questo nuovo strumento di comunicazione che mancava ormai da troppo tempo sul web.

Segrate ora ha una voce, la voce diretta dei cittadini! Spero che siate in molti, i temi sono tanti e necessitano della nostra attenzione quotidiana. Segnalazioni e interventi sono, ripeto, ben accetti.

Vi aspetto

Paolo

3 commenti:

Segrate-Blog by Rodinar ha detto...

Caro Paolo
Auguro al tuo blog lunga vita e fortuna e senzaltro cercherò di contribuire a vivacizzarlo con informazioni su Segrate e i segratesi.
Inizio ad informarti, anche se terminerà stasera, che è in corso un progetto mediatico che, partendo da Segrate, sta coinvolgendo tanti Blog italiani e, finalmente, anche qualche blog europeo. Siamo di fronte ad un modo innovativo di fare comunicazione giovanile, saltando i soliti canali d'informazione.

Ti spiego come si sta svolgendo il progetto.

Nella notte tra l'11 e 12 giugno 2008 molti blog, sparsi in tutta italia, si sono automaticamente oscurati per promuovere, tutti assieme ed in esclusiva, il lancio di "ARRAKIS", un tributo ai luoghi e alle vittime del progresso industriale italiano. Il documentario di 22 minuti, girato dal giovane filmaker segratese Andrea Di Nardo, con musiche originali del maestro Leonardo Marzagalia, ben noto a Segrate, è stato riportato anche su Repubblica del 12 giugno, a fianco della triste notizia dei sei morti di Mineo (purtroppo senza citare gli autori). Durante la giornata, molti altri blog hanno aderito all'iniziativa oscurandosi chi per poche ore, chi per un giorno, per dare in automatico, la visione di Arrakis. Sono convinto che questa tecnica, quando meglio conosciuta e organizzata, creerà enormi possibilità d'informazione seppure per casi particolari. A questa prima iniziativa hanno già aderito 30 - 40 blog ed altri si stanno oscurando man mano che si sparge la voce. Mi fa enormemente piacere che la sperimentazione di questo nuovo mezzo mediatico sia partita da Segrate e dintorni.
Oggi alle 15,00 si cercherà di intervistare in diretta Silvestro Capelli, il triste protagonista del documentario.

PS Chi avesse un blog e si volesse oscurare per ospitare "Arrakis" per un giorno o poche ore, può seguire le informazioni che si trovano nel sito.

Cordiali saluti

Rodolfo Di Nardo


http://arrakis.vh5n1.net

ARRAKIS?
Sono i luoghi dell’abbandono industriale italiano,
Sono i ricordi e le accuse di Silvestro Capelli.

Arrakis è un documentario poetico di tributo ai luoghi e alle vittime del progresso industriale italiano.

Vedute di fabbriche abbandonate fanno da sfondo ad una voce trasformata dalla malattia.
E’ la voce di Silvestro Capelli, un ex-operaio della storica Breda Fucine di Sesto San Giovanni.
E’ la particolare voce di un laringectomizzato.
Silvestro nel 1996 ha subito un intervento di laringectomia totale per estirpare un tumore causato dall’amianto inalato durante gli anni del lavoro in fabbrica.

Come molte altre persone da anni combatte una battaglia sociale e legale.
Da una parte ci sono semplici cittadini, dall’altra ci sono le istituzioni, l’Inail, i sindacati, i dirigenti d’azienda, i partiti politici.

Racconta Silvestro in Arrakis:


Tutti sapevano e nessuno ha parlato. Lo sapevano i sindacati. Lo sapeva la direzione dell’azienda. Lo sapeva l’assessorato alla sanità. Lo sapevano tutti, e non gli operai che c’erano dentro. E così ci hanno condannato a morte, a menomazioni, ma non solamente noi che lavoravamo all’interno della fabbrica. Perché le fabbriche non sono state costruite sotto una campana di vetro […]

Motivi e obiettivi
Arrakis non vuole essere un’inchiesta sul problema amianto, non vuole essere un documentario di archeologia industriale.
Vuole rappresentare invece, secondo criteri più vicini al modo poetico di fare documentario, un tributo a quelle persone che hanno sofferto in nome del progresso e a quei luoghi che sono stati incredibili simboli di quello stesso progresso.

Arrakis è un attestato di esistenza per persone e luoghi dimenticati.
L’obiettivo comunicativo non è informare, ma emozionare.
Suscitare interesse verso problemi di cui molto scarsa è la percezione del pericolo.

Credo che l’abbinamento della voce di Silvestro ai luoghi dell’abbandono industriale italiano sia un atto molto potente e molto simbolico.

Questo documentario non ha intenti commerciali, rappresenta semplicemente l’evoluzione di una tesi di laurea triennale in Linguaggi dei Media.

Andrea Di Nardo

Paolo ha detto...

Eccomi qua, contribuisco a questo Blog parlando proprio della "Fermata" S5 di Segrate, linea Pioltello-Varese del sistema treni suburbani. Mi sconcerta l'assoluta mancanza di sensibilita' e professionalita' dagli addetti ai lavori: non si degnano nemmeno di riparare gli orologi e di rimuovere, visto che non intendono riparare la macchinetta emittitrice di biglietti, il sostegno in ferro che lo sosteneva, pieno di ragnatele...
Che vergogna...

Pietro ha detto...

Ciao Paolo,

Io non sono di Segrate, ma mi è capitato di vedere la cd. "fermata del passante. Esporro' in maniera sintetica le mie opinioni:

1) LA LOCATION: mi sembra che sia ubicata in una Wasted Land, dove di notte Romero potrebbe ambientare un sequel della Notte dei Morti Viventi;

2) L'interno della stazione: Da quel poco che ho visto, il complesso potrebbe essere un esempio di architettura cupa e spersonalizzante. Ovvio che trattasi di una stazione, ma perdonami, ho sempre pensato che quella fermata sia stata un "contentino" ai segratesi chhe non hanno alcune fermata della metro. Poi mi sbagliero'.